Storie di quarantena: Vitali si “riconverte” alla vendita di beni di prima necessità

370

L’obiettivo è tanto semplice quanto difficilissimo: fronteggiare gli effetti della quarantena e cercare di superare il lockdown con meno danni economici possibile. È quello che hanno pensato tante realtà anche del territorio ripolese che, fin dall’inizio, hanno cercato per quanto possibile di continuare a garantire i loro servizi e, soprattutto, di far fronte alle tante spese da dover sostenere.

Proprio con questo spirito, anche negli ultimi giorni, si sono moltiplicate le iniziative di alcuni commercianti nel tentativo di ampliare la loro offerta.

Una di questa è quella decisa dalla gelateria/cioccolateria Vitali che, dalla propria pagina Facebook, ha annunciato la decisione, seppur provvisoria, di riconvertire in parte la propria attività e, accanto alla consegna a domicilio di gelato e cioccolato, inizierà a vendere in negozio anche beni di prima necessita (tutti da produzioni locali) come farina, olio, gallette e pasta prodotte da Monna Giovannella, zucchero, sale, vino, prosecco, birra artigianale del Birrificio Fiorentino, salumi, latte e derivati, formaggi, uova, caffè per moka, cialda e capsula.

“Potrete trovare una selezione di ottimi prodotti enogastronomici e di prima necessità – spiega il titolare Francesco Mugellini – mantenendo comunque il servizio a domicilio o da asporto, previa ordinazione telefonica, anche degli articoli di nostra produzione che continueremo a realizzare giornalmente. Sperando di rendere un servizio utile alla comunità e fare cosa gradita, Vi aspettiamo da domani (oggi, Ndr) con il seguente orario
9:30-12:30 / 16:00-18:00”.

SHARE
Francesco Sangermano, nato a Firenze nel 1977 ma orgogliosamente cresciuto e vissuto sempre a Bagno a Ripoli. Grande appassionato di viaggi, di sport e di fotografia è giornalista professionista dal 2004. Prima della collaborazione con eChianti ha lavorato per il Corriere di Firenze, il Corriere di Lucca, Toscana Media News e l'Unità dove è stato vicecaposervizio della redazione toscana e uno dei responsabili dei social network per il sito unita.it.