Stop all’inciviltà: ad Antella giardini puliti grazie a due cittadini volenterosi

230

Oggi vi raccontiamo di Fabrizio e Alfredo, due amici dell’Antella, che da inizio agosto hanno deciso di munirsi di guanti e scope per ripulire i giardini della Resistenza e dare un messaggio: basta all’ inciviltà!

I due amici si reputano fortunati a vivere in un paese tranquillo e ben curato come l’Antella, ma sono dispiaciuti nel constatare l’incuria che alcuni abitanti riservano agli spazi pubblici. Mozziconi di sigaretta, lattine, fazzoletti e molti altri rifiuti che dovrebbero trovare la loro collocazione nei molti cestini a disposizione di tutti, spesso vengono gettati a terra. Alfredo fa notare che come dice un vecchio detto “Fa più uno a spandere che 100 a rammontare”, infatti bastano pochi incivili a fare il danno per tutti.

Fabrizio e Alfredo ci tengono a non perdersi in sterili polemiche, si rimboccano le maniche e da un mese a questa parte si trovano tutti i sabati mattina per un paio di ore di pulizia.
L’iniziativa partita con due sole persone si sta piano piano ampliando, all’ultimo appuntamento erano già sette. L’obiettivo principale è la sensibilizzazione: a tutti fa piacere vivere in un posto curato e pulito e se tutti si impegnassero a rispettare l’ambiente gettando i rifiuti negli appositi cestini non sarebbe necessario raccoglierli.
L’incontro è aperto a tutti i volenterosi pronti a sporcarsi un po’ le mani per la collettività! Per il momento l’appuntamento rimane dalle 7,00 alle 9,00 la mattina del sabato, ma Fabrizio sta anche pensando di spostarlo al mercoledì sera sperando in un maggiore coinvolgimento della comunità.
Non sono solo i giovani a sporcare, ma l’opera di sensibilizzazione deve partire proprio da loro; Fabrizio è felice di aver coinvolto sua figlia nella cura dell’ambiente ed è fermamente convinto che i genitori prima di tutti dovrebbero coinvolgere i propri figli ed educarli al rispetto degli spazi pubblici e quindi di se stessi e dei proprio concittadini.