“Immagini e parole”, il romanzo della vita degli anziani | VIDEO

321

Tredici scatti in bianco e nero e un libro di memorie per raccontare la storia di quindici ospiti delle Residenze per anziani presenti sul territorio comunale di Bagno a Ripoli, i protagonisti del progetto “Immagini e parole: la vita diventa romanzo”.

C’è Ada Pieraccioni, ritratta a 23 anni, quando poté votare per la prima volta e – con indosso “il vestito della festa” – scelse la Repubblica. C’è Clarice Marrucci, classe 1931, immortalata all’età di 4 anni al Parterre con la sua famiglia che all’epoca fece scalpore per la differenza di età tra il babbo ottantenne e la madre quarantenne. Ci sono Geraldo Badini, giovanissimo nella divisa degli Alpini e con il paracadute, e Vittorio Tognaccini, sorridente il giorno delle nozze con la sua Lorena. Ci sono Fiorenza Bracci, parrucchiera delle Cure classe 1932, ritratta sulla Lambretta che da giovane “all’avanguardia” guidava “alla maniera degli uomini”, e la scandiccese Fernanda Cecchini del ’25, immortalata non ancora ventenne poco prima che la scheggia di una bomba la ferisse gravemente al braccio durante il secondo conflitto mondiale.

Tredici scatti in bianco e nero e un libro di memorie per raccontare la storia di quindici ospiti delle Residenze per anziani presenti sul territorio comunale di Bagno a Ripoli, i protagonisti del progetto “Immagini e parole: la vita diventa romanzo” organizzato dal Comune di Bagno a Ripoli e ideato e curato da Beatrice Rovai, assistente sociale e fotografa per passione, e dalla vicesindaca con delega al welfare Ilaria Belli.

Il progetto nasce dalla volontà delle due autrici di recuperare il mondo privato degli ospiti delle case di riposo ripolesi, a partire dall’osservazione delle vecchie fotografie per raccogliere attraverso la memoria la ricchezza di vicende umane con tutta la loro dignità e complessità. Le storie sono state raccolte in un periodo di sei mesi nelle cinque strutture per anziani Rsa Masaccio, Rsa Villa Olimpia/Villa Santa Monica, Rsa Villa Santa Teresa, Rsa Villa Jole.

Le persone che hanno aderito sono quindici, cinque uomini e dieci donne, con un’età tra gli 82 e i 100 anni, due le coppie che hanno dato vita a un unico racconto condiviso: Ada Pieraccioni (1923); Adria Marescialli (1918); Alfio Bertoni (1924); Anna Pezzatini (1933); Aurelio Morandini e Silvana Gori (1926 e 1929); Caterina De Gavardo (1936); Clarice Marrucci (1931); Fernanda Cecchini (1925); Fiorenza Bracci (1932); Floriana Giovannini (1926); Geraldo Badini (1930); Mario Miato e Maria Buzzi (1927 e 1931); Vittorio Tognaccini (1928).

“Per il nostro progetto – dicono Rovai e Belli -. ci siamo basate sulla tecnica dell’intervista biografica narrativa. Tutto inizia con l’osservazione delle vecchie foto, scelte dagli stessi anziani o dai loro familiari. Le foto hanno ispirato i ricordi degli anziani narranti, dando vita a un racconto delle vicende collegate che abbiamo trascritto. Durante il racconto abbiamo cercato di fissare con la fotocamera espressioni ed emozioni che la narrazione stimolava, faceva rivivere e riaffiorare. Infine, abbiamo montato le nuove fotografie con i vecchi scatti, i ritratti degli anziani si fondono alle immagini di chi erano, dove vivevano, cosa facevano, ricomponendo il tempo con una successione di continuità tra passato e presente. Il risultato ha emozionato noi quanto i protagonisti degli scatti, che fin da subito hanno partecipato al progetto con grande entusiasmo e disponibilità. A loro, alle famiglie e agli operatori delle Rsa grazie di cuore”.

La maggior parte delle storie si sono svolte a Firenze e dintorni, a Bagno a Ripoli, in Mugello, in Valdisieve. Altre hanno come territorio di riferimento Pisa, Pontedera, Trieste e Roma. E in quasi tutte le narrazioni compare il periodo difficile e cruento della Seconda Guerra Mondiale, ma anche storie di normalità, piccole ritualità familiari, vicende di emancipazione, tradizioni ormai perdute, gioie e amori ma anche lutti per la perdita di persone care.

“Quante volte ascoltando aneddoti e vicende della gioventù dei nostri nonni – dice Casini – ci è capitato di dire che sembrano la trama di un libro. Ebbene, le due autrici con questo progetto hanno voluto provare a scriverne uno che riunisse frammenti di vita raccontati dagli ospiti delle case di riposo presenti a Bagno a Ripoli. Hanno riunito spaccati di storia personale e collettiva, singole identità ed episodi di intere famiglie che insieme costituiscono un emozionante, struggente e complesso romanzo del nostro Novecento”.

RSA Masaccio, struttura del Gruppo La Villa, prende parte alla mostra “Immagini e parole”, che verrà inaugurata il 10 novembre prossimo, nella suggestiva cornice medievale dell’Oratorio di S.Caterina, a Bagno a Ripoli.

Un progetto, questo, che coinvolge anche altre 4 strutture del territorio, e che è stato realizzato in collaborazione con il Comune di Bagno a Ripoli, rappresentando il naturale proseguimento del precedente progetto sulla terza età “Le mani sanno ancora fare”, la mostra fotografica itinerante incentrata sul tema ricordo gestuale nei casi di Alzheimer e demenza senile.

Il tema scelto da RSA Masaccio è quello dell’amore. Come dichiara Laura Bellomo, animatrice di struttura: “è stata una grande emozione poter raccontare l’amore, il tema scelto dai nostri ospiti, che hanno deciso di regalare a tutti momenti davvero toccanti e pieni di emozione. Abbiamo raccolto, con fotografie e racconti, la storia di tre matrimoni che hanno superato le barriere del tempo che passa. Due di questi matrimoni, infatti, durano tuttora, qui in struttura.”