Gino Bartali, 70° della vittoria al Tour che “salvò l’Italia” e 104° della nascita. Ponte a Ema ha ricordato “L’Intramontabile” | FOTO

50

Il Museo del Ciclismo di Ponte a Ema ha ricordato il duplice anniversario del 104° compleanno di Gino Bartali e della 70° storica vittoria al Tour de France. Il 18 luglio 2018 l’Associazione Amici del Museo del Ciclismo “Gino Bartali”, ha organizzato una serata in onore di Ginettaccio.

Avrebbe compiuto centoquattro anni Gino Bartali, nato il 18 luglio 1914. Quest’anno l’anniversario, celebrato come sempre a Ponte a Ema, ha portato con sé un’altra importante ricorrenza: il 70° della storica vittoria dell’Intramontabile al Tour de France del 1948. Dieci anni dopo la prima affermazione parigina del 1938, Bartali conquistò il suo secondo Tour e contribuì, con le sue imprese sportive, ad allentare la tensione nel Paese in seguito all’attentato a Palmiro Togliatti.

Il 14 luglio, il segretario del PCI viene ferito a Roma. L’Italia sprofonda sull’orlo di una guerra civile ed è Alcide De Gasperi, segretario della Democrazia Cristiana, a telefonare a Gino Bartali chiedendo di annullare il ritardo di 21 minuti sulla maglia gialla del giovane Louison Bobet: “Vinca il Tour perché qua c’è una grande confusione”. Il trentaquattrenne di Ponte a Ema compie l’impresa e inizia una rimonta che catalizzerà l’attenzione degli italiani. Il giorno dopo recupera 20 minuti sul francese e poi continua a spingere e a vincere, fino a conquistare per la seconda (e ultima) volta il gradino più alto del podio di Parigi.

L’Associazione Amici del Museo del Ciclismo “Gino Bartali” – alla presenza della popolazione, della famiglia di Bartali e dei rappresentanti dei comuni di Bagno a Ripoli e Firenze, il Sindaco Francesco Casini, il presidente del Quartiere 3 Alfredo Esposito, il presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani – ha ricordato gli eventi con una giornata di festa: apertura del museo, cena, spettacolo di magia e l’inaugurazione di una mostra dedicata “Gino e il Tour del 1948”.

La mostra è visitabile al Museo del Ciclismo “GINO BARTALI” Via Chiantigiana, 175.
50126 FIRENZE