Ecologica e sostenibile, via ai lavori alla scuola del Padule | VIDEO

Si apre il maggiore intervento di edilizia scolastica degli ultimi vent’anni sul territorio ripolese. Dal Comune maxi-investimento di 3,6 milioni di euro

159

Si aprono oggi, lunedì 1 luglio, i lavori per l’ampliamento e la riqualificazione del plesso scolastico “Anna Maria Enriques Agnoletti” del Padule, nel cuore di Bagno a Ripoli. Stamani la posa della prima pietra per la realizzazione del maggiore intervento di edilizia scolastica degli ultimi vent’anni, un’opera di ammodernamento e valorizzazione per la quale il Comune ha messo in campo un maxi-investimento da 3,6 milioni di euro. L’intervento comprenderà la costruzione di nuovi corpi di fabbrica e la parziale ristrutturazione dell’edificio esistente, con il mantenimento di un percorso didattico organico e continuativo dalla scuola dell’infanzia alla scuola primaria, mediante l’ampliamento della scuola primaria, la ristrutturazione della scuola dell’infanzia, la riqualificazione degli spazi verdi esterni e la creazione di nuovi parcheggi antistanti la scuola. Ne nascerà una nuova scuola sostenibile con strutture interamente in legno, realizzate con le tecnologie più avanzate nel campo della bioedilizia e del risparmio energetico.

“È giorno storico per la nostra comunità – dice il sindaco Francesco Casini -: oggi prende via ufficialmente la maggiore opera di edilizia scolastica effettuata sul territorio negli ultimi decenni. Il progetto è stato messo a punto insieme alla comunità scolastica ed è frutto di un lungo ed articolato percorso partecipativo. Alla base, l’obiettivo condiviso di creare una scuola moderna, accogliente e funzionale per i nostri bambini. Una scuola, aspetto ugualmente importante, ecologica e sostenibile, all’avanguardia sotto il profilo della bioedilizia e del risparmio energetico”.

“Si lavorerà nei mesi estivi – spiega l’assessore all’edilizia scolastica Francesco Pignotti – per non essere d’intralcio con l’attività didattica. All’inizio di settembre i lavori continueranno ma si sposteranno nell’area a fianco alla scuola. I ragazzi potranno svolgere la normale attività scolastica nelle proprie aule, senza interferenze. Questo progetto sarà un fiore all’occhiello del programma di edilizia scolastica del Comune che durerà per tutto il mandato.”

“Siamo contenti per questo bel progetto molto partecipato – commenta la dirigente dell’Istituto comprensivo “Teresa Mattei” Amalia Bergamasco – avremo una scuola all’avanguardia, all’altezza del nostro progetto didattico”.

A svolgere i lavori sarà l’impresa Kimissa Costruzioni del Consorzio Stabile Galileo, vincitore dell’apposito bando di gara indetto dall’amministrazione. Per realizzare l’opera serviranno cinquecento giorni di lavoro.

Il progetto, che nella fase preliminare è stato accompagnato da un percorso partecipativo di riorganizzazione denominato “Da scuola a scuola”, prevede che al termine dei lavori la struttura possa ospitare tre sezioni della scuola dell’infanzia da tre a sei anni (28 bambini a sezione per un totale di 84 bambini), due sezioni per cinque classi di scuola primaria (26-28 bambini in 10 aule per 260-280 bambini in totale). Nel complesso scolastico l’utenza complessiva massima a regime sarà quindi di circa 360 bambini.

Il progetto prevede il raggiungimento dei seguenti obiettivi:

  • Scuola primaria: Ampliamento della scuola mediante la realizzazione di nuovi corpi di fabbrica contigui all’edificio esistente, da destinarsi prevalentemente ad aule, laboratori e spazi per le attività libere e di aggregazione. Costruzione di spazi condivisi da utilizzare anche come sale polivalenti. Implementazione generale della dotazione dei servizi, in particolare delle mense, oggi mancanti.
  • Scuola dell’infanzia: Ristrutturazione del corpo di fabbrica in uso e annessione di alcuni degli spazi attualmente utilizzati dalla scuola primaria, consentendo l’ampliamento della superficie di ciascuna delle tre sezioni e dotando la struttura di ulteriori spazi di servizio, interni ed esterni.
  • Viabilità: Creazione di parcheggi antistanti la scuola e miglioramento dell’accessibilità pedo-ciclabile.

I lavori saranno suddivisi come segue:

  • Fase preliminare: Per la realizzazione delle nuove opere, edifici e parcheggi, sarà necessario il preventivo spostamento delle linee di rete sotterranee interferenti.
  • Fase 1: Realizzazione del nuovo corpo di fabbrica destinato a aule e laboratori e del parcheggio antistante la nuova scuola.
  • Fase 2: Ristrutturazione della scuola dell’infanzia, della zona da destinarsi a sporzionamento e delle opere minori di adattamento del settore della vecchia scuola primaria.

Con un ulteriore finanziamento, la realizzazione della palestra e dei relativi servizi, ovvero, delle sale polivalenti, cercando di limitare la criticità e difficoltà tecniche e logistiche sia per l’organizzazione del cantiere (accessibilità, movimentazione macchine e materiali, ecc.) sia per l’utenza scolastica. L’attuale complesso edilizio del Padule fu costruito intorno al 1950 ed inizialmente aveva una destinazione rurale. Fu acquistato dal Comune di Bagno a Ripoli nel 1970, con l’obiettivo di ristrutturarlo radicalmente per adibirlo a edilizia scolastica. L’immobile originario è stato poi investito da molteplici processi di trasformazione e adeguamento funzionale e strutturale. Gli ultimi interventi di una certa consistenza risalgono al periodo che va dal 1989 al 1995.

Attualmente il complesso scolastico insiste in un’area complessiva di circa 6200 mq. La superficie lorda coperta è di circa 1730 mq. Con l’intervento di ampliamento e valorizzazione del plesso, la superficie lorda coperta sarà di 2082 mq: di cui 1434 dedicati alle nuove aule con i servizi, i laboratori e il nuovo ingresso, 648 agli spazi polivalenti.