Via ai lavori ai nidi Arabam e Coriandolo

42

I piccoli interventi strutturali serviranno ad accogliere i bimbi di 12 mesi a partire da settembre

Approfittando delle misure di contenimento per l’emergenza Coronavirus, l’amministrazione comunale di Bagno a Ripoli ha deciso di intervenire sui nidi comunali effettuando alcuni piccoli interventi strutturali all’“Arabam” di Osteria Nuova e al “Coriandolo” di Balatro. Chiuse le strutture, con lo svolgersi delle attività a distanza da parte del personale educativo, è infatti possibile realizzare i lavori di adeguamento necessari per permettere alle due strutture di ospitare una sezione ciascuna dedicata ai bambini più piccoli (dai 12 ai 18 mesi di età).
In particolare, gli interventi renderanno possibile in entrambi i nidi il collegamento della “stanza sezione” alla “stanza sonno”, permettendo così alle educatrici di poter accedere velocemente ai due ambienti. I lavori saranno poi completati dall’acquisto di nuovi arredi, giocattoli e materiale educativo per i piccoli ospiti dei due nidi. Conclusi i sopralluoghi, già dai prossimi giorni gli operai del Comune inizieranno a lavorare partendo dal nido “Il Coriandolo” per poi concentrarsi sull’“Arabam”. Si punta a portare a termine gli interventi entro la fine del mese di maggio.
“È importante – dichiara il sindaco Francesco Casini – approfittare di questa pausa forzata per giocare di anticipo ed essere pronti a ripartire con le attività dei nostri nidi comunali appena sarà possibile. Ringraziamo gli operai del Comune ma anche gli operatori dei nidi che in queste settimane stanno alimentando il legame con bambini e famiglie con le loro attività a distanza”.
“Si tratta di interventi strutturali relativamente piccoli – aggiunge l’assessore alla scuola e all’edilizia scolastica Francesco Pignotti – ma sono importanti perché ci permetteranno di offrire agli utenti un servizio in più, raddoppiando l’accoglienza dei bambini di 12 mesi a partire da settembre. Sfruttando il momento di sospensione delle attività all’interno delle strutture potremo farci trovare pronti alla ripartenza”.