Oli esausti, presso la coop una nuova “casa” per raccoglierli | FOTO

Si rinnova (nella grafica e non solo) il box Olly di via delle Arti, installato dal gruppo Eco.Energy-Gorent specializzato in servizi di igiene ambientale.

144

A Bagno a Ripoli c’è una nuova casa che fa bene all’ambiente. È Olly, la casa per la raccolta e il riciclo degli oli alimentari esausti, derivati dalle utenze domestiche, che in questi giorni si è completamente rinnovata nella veste grafica e non solo.

Ad installarla, presso la Coop di Bagno a Ripoli in via delle Arti 7, è stato il gruppo Eco.Energy-Gorent, player europeo nei servizi per l’igiene ambientale per imprese pubbliche e private, specializzato in materia di economia circolare.

Tutti i cittadini, come già in precedenza, possono recarsi liberamente presso il box di raccolta dove, per chi ne è sprovvisto, possono essere reperiti gli appositi bidoncini necessari per conferire l’olio esausto.

La casina Olly di Bagno a Ripoli è la prima in Toscana a presentare una veste grafica rinnovata. Ad accogliere gli utenti sulle pareti a vetro c’è la figura sorridente di una balena, accompagnata da alcuni consigli per le buone pratiche ambientali. Gli oli non devono essere confluiti negli scarichi perché danneggiano le fognature, inquinano le falde acquifere e conseguentemente i mari, uccidendone flora e fauna.

“Riciclando gli oli esausti – spiega il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini – proteggiamo l’ambiente, contribuendo alla pulizia dei nostri mari e alla vita della balena come di tutti gli altri esseri viventi. Per questo sono molto felice di dare il benvenuto sul nostro territorio ad Olly con questa nuova veste. La nostra comunità dimostra da sempre un’attenzione particolare alle tematiche ambientali e sono sicuro che anche in questo caso parteciperà con un’alta adesione”.

“Ho abitato a Bagno a Ripoli per diversi anni e sono contento che abbiamo iniziato proprio da questo Comune a installare le nuove casine e i box Olly per il deposito dei bidoncini. Il contributo che ogni cittadino può dare conferendo il proprio olio domestico è determinante per la salvaguardia dell’ambiente – dichiara Furio Fabbri, presidente di Eco.Energy e Gorent spa -. Riciclandolo, facciamo addirittura un ulteriore grande passo avanti: trasformiamo un rifiuto in risorsa dato che l’impianto di raffinazione di Vallina, proprio nel comune di Bagno a Ripoli, dove Eco.Energy ha recentemente trasferito la sua sede, verrà avviato al recupero energetico, chiudendo il cerchio dell’economia circolare”.

SHARE
Francesco Sangermano, nato a Firenze nel 1977 ma orgogliosamente cresciuto e vissuto sempre a Bagno a Ripoli. Grande appassionato di viaggi, di sport e di fotografia è giornalista professionista dal 2004. Prima della collaborazione con eChianti ha lavorato per il Corriere di Firenze, il Corriere di Lucca, Toscana Media News e l'Unità dove è stato vicecaposervizio della redazione toscana e uno dei responsabili dei social network per il sito unita.it.