Da oggi si riparte: ecco tutte le (nuove) regole in vigore dal 18 maggio

126

Con la firma del Dpcm da parte del presidente del Consiglio e dell’ordinanza varata dal presidente della Regione, la Fase 2 entra davvero nel vivo. E da oggi, lunedì 18 maggio, è prevista la ripartenza di molte attività, la riapertura dei negozi e un parziale ritorno alla normalità. “È, però, anche la fase in cui più forte dovranno essere la prudenza e la responsabilità di ciascuno – ammonisce il sindaco Francesco Casini – La guerra contro il virus non è ancora finita, perdere questa nuova battaglia ci farebbe tornare indietro e sarebbe gravissimo”. 

Qui sotto, punto per punto, tutte le misure in vigore nelle prossime settimane.

  1. In caso di temperatura superiore ai 37,5 gradi è obbligatorio rimanere a casa e contattare il medico curante.

2. È confermato il divieto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per le persone sottoposte alla misura della quarantena, che dovranno restare in isolamento presso il proprio domicilio per il tempo disposto dall’autorità sanitaria.

3. Sono vietati gli assembramenti in spazi chiusi e aperti, sia pubblici che privati aperti al pubblico; viene confermata la distanza interpersonale minima di almeno un metro, salvo che per lo svolgimento delle attività sportive, raccomandando tuttavia per una migliore tutela della salute propria e della collettività, in presenza di più persone, di adottare un distanziamento interpersonale di almeno 1,80 metri.

4. L’uso della mascherina è obbligatorio in spazi chiusi, pubblici e privati aperti al pubblico, oltre che sui mezzi di trasporto pubblico locale, nei servizi non di linea taxi e noleggio con conducente; e nel caso non sia possibile mantenere il distanziamento interpersonale. L’uso delle mascherine non è obbligatorio per i bambini al di sotto dei 6 anni, per i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina e per le persone conviventi.

DA LUNEDI 18 MAGGIO
– Nessun limite agli spostamenti dentro il territorio regionale e senza autocertificazione.
– Potranno riaprire i negozi, i servizi di cura alla persona, bar e ristoranti, gli uffici pubblici e i musei.
– Riapertura del commercio al dettaglio.
– Possono riprendere le funzioni religiose.
– L’accesso ai parchi e ai giardini pubblici è consentito mantenendo il divieto di assembramento e il rispetto della distanza interpersonale di 1 metro. I minori di 14 anni dovranno essere accompagnati da un adulto.
– Consentito lo svolgimento delle attività sportive in forma individuale, compresi il tennis e il golf, anche in impianti pubblici o privati e all’interno di strutture e circoli sportivi, se svolte in spazi all’aperto, che consentano nello svolgimento dell’attività il rispetto del distanziamento interpersonale di almeno 2 metri. Resta sospesa, ogni altra attività collegata all’utilizzo delle strutture, compreso l’utilizzo di spogliatoi, palestre, piscine, luoghi di socializzazione.
🚫 Restano vietati gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in una Regione diversa rispetto a quella in cui attualmente ci si trova, così come quelli da e per l’estero, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute. Per gli spostamenti fuori Regione è necessaria l’autocertificazione.

DA LUNEDI 25 MAGGIO
– Potranno riaprire le palestre, le piscine e i centri sportivi.

DA MERCOLEDI 3 GIUGNO
– Sarà possibile muoversi da e per l’estero; continuano a valere le misure restrittive internazionali e comunitarie, e, quindi, anche quelle che limitano gli ingressi in Paesi esteri dall’Italia.
– Si potrà entrare in Italia e, quindi, anche in Toscana da Paesi dell’Unione Europea senza l’obbligo di 14 giorni di quarantena.

DA LUNEDI 15 GIUGNO
– Potranno riaprire cinema e teatri, e cominceranno una serie di offerte ricreative per i bambini.

SHARE
Francesco Sangermano, nato a Firenze nel 1977 ma orgogliosamente cresciuto e vissuto sempre a Bagno a Ripoli. Grande appassionato di viaggi, di sport e di fotografia è giornalista professionista dal 2004. Prima della collaborazione con eChianti ha lavorato per il Corriere di Firenze, il Corriere di Lucca, Toscana Media News e l'Unità dove è stato vicecaposervizio della redazione toscana e uno dei responsabili dei social network per il sito unita.it.