Amici di Vicchio di Rimaggio 3° appuntamento Stagione di Primavera 2019

19

Per il terzo appuntamento, il ciclo Musica da camera in San Lorenzo a Vicchio di Rimaggio organizzato dall’Associazione Amici di Vicchio di Rimaggio, venerdì 31 maggio (alle ore 21 nella Chiesa duecentesca di San Lorenzo, a Bagno a Ripoli), propone il celebre Quartetto di Venezia, complesso di punta nel panorama musicale sia nazionale che internazionale. Formato dai violinisti Andrea Vio e Alberto Battiston, dal violista Mario Paladin e dal violoncellista Angelo Zanin, il gruppo presenta per l’occasione musiche di Mozart, Wolf e Brahms.
Il 14 giugno, la chiusura primaverile sarà invece affidata all’appuntamento con “I GRANDI GIOVANI”: l’entusiasmante trio formato dalla violinista sarzanese Sara Pastine, dalla violoncellista tedesca Natania Hoffman e dalla pianista fiorentina Giulia Contaldo, impegnate in una locandina intitolata a Brahms e Janàček.
Venerdì 31 maggio alle ore 21 nella Chiesa di S. Lorenzo a Bagno a Ripoli (FIRENZE), il terzo appuntamento della rassegna primaverile promossa dall’Associazione Amici di Vicchio di Rimaggio, vede protagonista uno dei migliori complessi della tradizione cameristica italiana, il prestigioso Quartetto di Venezia (i violinisti Andrea Vio e Alberto Battiston, il violista Mario Paladin e il violoncellista Angelo Zanin), apprezzato e riconosciuto anche nelle maggiori sedi musicali internazionali. L’ensemble propone un’affascinante locandina comprendente il famoso Quartetto in si b maggiore K 458 La caccia di Wolfgang Amadeus Mozart e la Serenata italiana in sol maggiore di Hugo Wolf, che al di fuori della produzione liederistica, costituisce uno dei i pochi lavori cameristici dell’autore, tra l’altro con un tema che richiama inequivocabilmente il coevo Lied Der Soldat dello stesso Wolf. Conclude la locandina il Quartetto n. 2 in la minore op. 51 n. 2 di Johannes Brahms, prodotto ormai maturo di un autore che dopo i due sestetti (op. 18 e op.36) si sentiva finalmente pronto ad affrontare il genere cameristico più ambizioso, confessando agli amici che nella scrittura quartettistica «la difficoltà principale non sta nel comporre, ma nel far cadere sotto il tavolo le note superflue».

Quartetto di Venezia. Bruno Giuranna dice di loro: “È un complesso che spicca con risalto nel panorama musicale europeo. La perfetta padronanza tecnica e la forza delle interpretazioni, pongono il Quartetto di Venezia ai vertici della categoria e fra i pochissimi degni di coprire il ruolo dei grandi Quartetti del passato”. Il Los Angeles Times scrive: “questo quartetto è più che affascinante, è sincero e concreto”. Due le scuole fondamentali dell’ensemble veneziano: quella del Quartetto Italiano sotto la guida del M° Piero Farulli e la Scuola Mitteleuropea del Quartetto Vegh, tramite i numerosi incontri avuti con Sandor Vegh e Paul Szabo. Il Quartetto di Venezia ha suonato in alcuni tra i maggiori Festivals internazionali in Italia e nel mondo, tra cui la National Gallery a Washington, Palazzo delle Nazioni Unite a New York, Sala Unesco a Parigi, IUC a Roma, Serate Musicali di Milano, Kissinger Sommer, Konzerthaus Berlin, Gasteig Monaco, Ossiach/Villach, Klangbogen Vienna, Palau de la Musica Barcellona, Tivoli Copenhagen, Societè Philarmonique a Bruxelles, Buenos Aires, Montevideo, San Paolo, Mosca – Sala Filarmonica.
Ha avuto l’onore di suonare per Sua Santità Papa Giovanni Paolo II e per il Presidente della Repubblica Italiana. La vasta produzione discografica include 22 CD per la Dynamic tra cui i quartetti di G.F. Malipiero (Premio della Critica Italiana quale migliore incisione cameristica), Fonit Cetra, Unicef, Aura, Koch, Decca e Naxos. Ha registrato per la RAI & RAI International, Bayerischer Rundfunk, New York Times (WQXR), ORF1, Schweizer DRS2, Suisse Romande, Radio Clasica Espanola, MBC Sudcoreana. Ha collaborato Bruno Giuranna, Quartetto Borodin, Prazak Quartet, Piero Farulli, Paul Szabo, Oscar Ghiglia, Danilo Rossi, Alessandro Carbonare, Pietro De Maria, Mario Brunello, Andrea Lucchesini. Dal 2017 il Quartetto di Venezia è Quartetto in Residenza alla Fondazione Giorgio Cini di Venezia. A chiudere il cartellone primaverile, venerdì 14 giugno è lo spazio “I GRANDI GIOVANI” riservato all’entusiasmante trio formato dalla violinista sarzanese Sara Pastine, dalla violoncellista tedesca Natania Hoffman e dalla pianista fiorentina Giulia Contaldo, impegnate in una locandina intitolata a Johannes Brahms e Leós Janàček. Di Brahms compare in programma la Sonata n. 2 in la maggiore op. 100 e il Trio n. 3 in do minore op.101, opere concepite dall’autore di Amburgo durante il soggiorno estivo del 1886 presso il lago di Thun in Svizzera. Del musicista cèco il Duo Pastine-Contaldo presenta la Sonata n. 3 che anche nell’oscillazione travagliata tra differenti stati d’animo – aggressività e introversione, ansia e speranza – risente in modo evidente dei contraccolpi, emotivi e psicologici, degli anni della Prima guerra mondiale, dallo scoppio (26 luglio 1914) alla disgregazione dell’Impero austro-ungarico, seguita dalla liberazione dei popoli cèco e slovacco.

Ingresso libero e responsabile – ore 21.00
Chiesa di S. Lorenzo a Vicchio di Rimaggio, via Vicchio e Paterno – Bagno a Ripoli

È possibile sostenere l’iniziativa divenendo soci dell’Associazione Amici di Vicchio di Rimaggio, contattando il 349 2384256

La stagione musicale è patrocinata dal Comune di Bagno a Ripoli

Concorrono al sostegno dell’iniziativa:
Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze
Banca di Credito Cooperativo di Pontassieve – Agenzia di Bagno a Ripoli
Unicoop Firenze – Sezione Soci Bagno a Ripoli
Publiacqua
Ditta Bussotti e Fabbrini – Firenze
Rete Toscana Classica
Generali Assicurazioni – Firenze (V. del Pollaiolo, 111c)
Eugenio Calzature
Villa La Torricella – Bagno a Ripoli
Le Quattro Contrade – Ristorante – Bagno a Ripoli