Innovazione urbana, ecco il progetto della ciclovia lungo l’Arno da Pontassieve a Firenze

155

Bagno a Ripoli, Pontassieve, Fiesole e Rignano sull’Arno hanno sottoscritto, a luglio 2016, il protocollo d’intesa finalizzato alla progettazione di una ciclovia lungo la valle dell’Arno, quale strategia comune di mobilità sostenibile.

L’obiettivo era la condivisione di un masterplan per accedere a bandi e finanziamenti europei e la prima occasione si è presentata con l’uscita della seconda chiamata del bando europeo “Urban Innovative Actions”. I quattro comuni hanno deciso di provare a compiere un’impresa apparentemente impossibile: partecipare insieme ad un bando europeo.

La partecipazione formale al bando, per questioni burocratiche legate ai criteri di ammissibilità, è avvenuta da parte dei comuni di Pontassieve, che è stato il capofila della cordata, Bagno a Ripoli e Fiesole mentre Rignano sull’Arno ha partecipato come stakeholder istituzionale, condividendo la proposta progettuale e la strategia.

Il tentativo è andato a buon fine e venerdì 14 aprile è stato presentato formalmente il progetto: “AD ARNUM – ADvanced Accessibility to the River and New Urban Mobility”.

“Questa proposta nasce dalla capacità di tre ammistrazioni di guardare oltre e insieme costruire un progetto rivolto alla mobilità sostenibile, rendendo fruibili le sponde dell’Arno, proprio come abbiamo sempre immaginato. Oggi tutto questo prende forma e se avremo successo potrebbe diventare realtà” dichiarano i sindaci di Pontassieve Monica Marini, di Bagno a Ripoli Francesco Casini e di Fiesole Anna Ravoni.

“Ringraziamo di cuore tutti per lo straordinario lavoro svolto, i tecnici dei comuni, l’università, le imprese, le associazioni e tutti i soggetti coinvolti nel percorso – proseguono – Abbiamo giocato in squadra e questo ci ha consentito di partecipare con un progetto di grandissima qualità. Comunque andrà abbiamo già vinto e quello che siamo riusciti a costruire insieme, in questi mesi, sarà solo l’inizio di una lunga collaborazione che continuerà con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita dei nostri cittadini”.

Il progetto consiste nella realizzazione di una ciclovia lungo la valle dell’Arno con la realizzazione di tre passerelle ciclopedonali di collegamento: la prima a Sieci all’altezza delle Gualchiere, la seconda tra Vallina e Compiobbi (finanziata dal bando “Periferie Urbane”) e la terza tra Candeli e Girone, creando un sistema ad anelli tra le rive destra e sinistra dell’Arno tra Pontassieve e Firenze.

Ma soprattutto il percorso sarà dotato di servizi innovativi e tecnologici, di HUB intermodali come luogo di scambio in corrispondenza delle stazioni ferroviarie. E ancora il bike sharing con bici elettriche e stazioni per la ricarica alimentate da energie rinnovabili mediante soluzioni innovative adatte anche in aree non supportate da rete elettrica. Infine la creazione di una “bitcoin” che prenderà il nome di “Fiorino verde” grazie alla quale gli utenti della ciclovia potranno accumulare crediti che consentiranno la remunerazione dei comportamenti virtuosi e green di cittadini ed aziende nella mobilità.

Il tutto con l’obiettivo di attuare una strategia di mobilità sostenibile per cambiare radicalmente il modo di muoversi sul territorio, sia per i cittadini che per gli altri utenti potenziali.