“Celiachia Day”, a Bagno a Ripoli si festeggia così

50

Menù “gluten free” preparato da Siaf con prodotti di filiera corta per tutti i bambini delle scuole del territorio il prossimo 17 maggio in occasione della settimana dedicata all’intolleranza alimentare

Risotto agli asparagi di filiera corta, hamburger e sfoglie di mais. Nelle scuole di Bagno a Ripoli si festeggerà così il “Celiachia Day” in programma il prossimo 17 maggio: con un menù completamente “gluten free” preparato appositamente da Siaf, la società di refezione del Comune, e portato in tavola per tutti i 1800 alunni del territorio tra nidi, materne, scuole primarie e medie.

L’iniziativa, dal titolo “Tutti a tavola, tutti insieme: un menù senza glutine”, è stata ideata nell’ambito delle iniziative della settimana nazionale della celiachia, organizzata dal 12 al 20 maggio dall’Associazione italiana celiachia (AIC) con l’obiettivo di promuovere la conoscenza di questa intolleranza alimentare e promuovere i principi di una sana e corretta alimentazione. A Bagno a Ripoli viene proposta per il secondo anno di fila. Solo un tassello, in realtà, di un più ampio percorso di educazione alimentare nelle scuole che già da tempo coinvolge attivamente insegnanti, studenti, famiglie, istituzioni, operatori del settore e associazioni, con tante iniziative, tra laboratori, incontri e attività benefiche contro gli sprechi alimentari.

Giovedì prossimo, dopo il risotto e i medaglioni di tacchino (preparati con un impasto di carne e pane senza glutine), saranno messi in tavola carote baby crude, sfoglie preparate con mais di produzione locale e frutta. Oltre al menù “gluten free” per tutti i bambini, saranno attivate una serie di procedure che consentiranno anche ai bambini celiaci di consumare il pranzo senza avere contenitori sigillati a loro dedicati, come invece accade solitamente.

“La condivisione del menù è un passo importantissimo per far vivere al meglio la dieta senza glutine ai bambini celiaci – dicono il sindaco Francesco Casini e l’assessora alla scuola Annalisa Massari -. Un fronte su cui con la nostra società di refezione siamo impegnati già da tempo. Sono  venticinque gli alunni celiaci delle nostre scuole. Per loro, ad esempio, ogni giorno vengono preparati pasti corrispondenti nella composizione a quelli offerti agli altri utenti utilizzando prodotti senza glutine e seguendo tutte le procedure di sicurezza”.

Recentemente inoltre il Comune ha acquistato nuove attrezzature dedicate esclusivamente alla preparazione e somministrazione di pasti “gluten free”. Per i bimbi celiaci, dal mese di aprile, viene preparato il pane quotidianamente dalle cucine scolastiche, vengono consegnati i pasti direttamente in contenitori termici dedicati che consentono di mantenere la temperatura adeguata anche a queste pietanze e sono stati inseriti forni a microonde per le monoporzioni in tutte le scuole e nidi con bimbi intolleranti al glutine. Lo scorso marzo, inoltre, Siaf ha organizzato una formazione specifica sulla celiachia, sull’uso del microonde e sulle tutele necessarie per evitare contaminazioni, a cui hanno partecipato il personale di sporzionamento Siaf, il personale della scuola Santa Maria all’Antella e quello della cooperativa Arca.