Test sierologico, al via lo screening della Croce Rossa anche a Bagno a Ripoli

L’indagine servirà a mappare in tutta Italia la situazione del Coronavirus. I volontari della Cri stanno contattando telefonicamente dal numero 06.5510 i cittadini selezionati dall'Istat per effettuare test sierologici gratuiti.

231

Uno studio statistico e scientifico per capire la diffusione del Coronavirus in Italia. È partito lo screening nazionale attraverso i test sierologici che interesserà un campione di 150mila cittadini di 2mila Comuni italiani selezionato dall’Istat. L’indagine interesserà anche il territorio comunale di Bagno a Ripoli. E proprio in questi giorni, i volontari della Croce Rossa italiana stanno iniziando a contattare telefonicamente le persone individuate dall’Istituto di statistica.

La telefonata arriverà dal numero del centralino nazionale della Croce Rossa, col numero 065510. Per questo i volontari del comitato della CRI di Bagno a Ripoli invitano tutti i concittadini a rispondere.

Il progetto servirà a mappare la diffusione del nuovo Coronavirus e in particolare a quantificare il livello di asintomatici. Ma soprattutto a raccogliere informazioni importantissime come le fasce d’età più colpite, i settori lavorativi, le aree geografiche e molto altro, fondamentali per predisporre misure e strumenti di prevenzione e limitazione alla diffusione del contagio.

Le persone selezionate dall’Istat che saranno contattate dalla CRI saranno sottoposte al test sierologico su base volontaria, anonima e gratuita.

I 150mila nominativi sono stati individuati dall’Istat in base a 6 classi di età, al genere e al lavoro svolto. Ai cittadini ripolesi il prelievo del sangue necessario per il test sulla sieroprevalenza sarà effettuato nel laboratorio della sezione ripolese della CRI in via Fratelli Orsi.

SHARE
Francesco Sangermano, nato a Firenze nel 1977 ma orgogliosamente cresciuto e vissuto sempre a Bagno a Ripoli. Grande appassionato di viaggi, di sport e di fotografia è giornalista professionista dal 2004. Prima della collaborazione con eChianti ha lavorato per il Corriere di Firenze, il Corriere di Lucca, Toscana Media News e l'Unità dove è stato vicecaposervizio della redazione toscana e uno dei responsabili dei social network per il sito unita.it.