Ditta Franchi, costruttori di strade dalla A alla Z (con l’amore per lo sport) | FOTO

97

Ditta edile specializzata in lavori stradali, la Franchi Ottavio e figli snc è sul territorio di Bagno a Ripoli da oltre quarant’anni. Con sede a Grassina, è condotta dal figlio del fondatore Cristiano Franchi imprenditore ma anche grande appassionato di sport con un passato agonistico nel motocross e nelle moto d’acqua.

“Costruiamo strade dalla A alla Z”, dice Cristiano Franchi. “Partì mio padre da ragazzo facendo il manovale. Impiegato in una ditta di Firenze, ebbe – verso il 1968 – l’opportunità di iniziare a fare lavori per la Shell e da lì nacque il core business dell’impresa: costruzione e manutenzione distributori benzina”.

Con sede originaria al Girone, dagli anni Settanta la ditta è a Grassina. Prima in Via di Campigliano e dal 1985 in Via Anna Kuliscioff. Opera nella zona di Firenze e in tutta la Toscana e negli anni ha lavorato per diverse compagnie petrolifere.

“Dal 2000 – continua Franchi – c’è stata una riduzione della costruzione dei distributori di carburante e abbiamo ripreso anche l’attività di edilizia privata. Per le stazioni di servizio oggi facciamo più che altro manutenzione. Poi piazzali bituminosi, strade bianche. Siamo piccoli ma facciamo tutto”.

In ditta operano sette collaboratori e la mamma Cosetta aiuta nel lavoro amministrativo. Entrato nel 1986, conseguito il diploma di Geometra, Cristiano aveva già fatto esperienza nelle estati da ragazzo dopo la scuola.

“È un lavoro che comporta sacrifici e spirito di abnegazione, anche da parte della famiglia e di chi ti sta intorno. Fare manutenzione per le compagnie petrolifere necessita reperibilità  h 24, tutti i giorni dell’anno”.

Nonostante gli impegni Cristiano trova il tempo anche per allenarsi nello sport. Oggi appassionato di podismo, in passato ha corso nel Motocross e nelle moto d’acqua. Portava la moto sul cantiere, ne curava la manutenzione e la messa a punto nelle pause dal lavoro.

“Andavo a correre e ad allenarmi a Milano Marittima, all’Idroscalo o sulla costa toscana. Con le moto d’acqua ho fatto un terzo assoluto nell’Italiano, un secondo in Coppa Italia e un ottavo all’Europeo. Pilota ufficiale Kawasaki, la riportai sul podio dopo anni. Sono tuttora in contatto con altri piloti, nonostante l’agonismo in gara, abbiamo instaurato rapporti di ottima amicizia”.