“Con dolce forza”, il “Tintoretto” si riunisce alla figlia all’Oratorio di Santa Caterina

37

Da giovedì 29 marzo l’autoritratto di Jacopo Robusti, meglio noto come “Tintoretto”, sarà esposto accanto a quello della figlia Marietta nell’ambito della mostra dedicata alle musiciste del Cinque e Seicento organizzata dalle Gallerie degli Uffizi insieme al Comune di Bagno a Ripoli. Iniziativa alle 11 con il direttore Eike Schmidt e il sindaco Francesco Casini.

Legati dalla pittura e dalla musica, entrambi artisti e raffinati musicisti, i due veneziani Jacopo Robusti e sua figlia Marietta si riuniscono all‘Oratorio di Santa Caterina delle Ruote a Ponte a Ema. Da giovedì 29 marzo l’autoritratto del Tintoretto sarà collocato accanto a quello della figlia, tra le protagoniste della mostra “Con dolce forza. Donne nell’universo musicale del Cinque e Seicento” organizzata dalle Gallerie degli Uffizi insieme al Comune di Bagno a Ripoli, in programma fino a domenica 13 maggio.

L’autoritratto del Tintoretto sarà svelato al pubblico alle ore 11 di giovedì 29 marzo alla presenza del direttore delle Gallerie Eike Schmidt e del sindaco Francesco Casini (via del Carota, 31).
L’iniziativa è aperta a tutti. L’ingresso alla mostra, per l’occasione, sarà gratuito fino alle 12.

L’esposizione dell’autoritratto del Tintoretto, ricongiunto alla figlia prediletta Marietta nel segno dell’arte e della comune passione musicale, arricchisce ulteriormente la mostra di inestimabile pregio e valore “Con dolce forza. Donne nell’universo musicale del Cinque e Seicento”, che raccoglie tra le pareti dell’Oratorio affrescate da Spinello Aretino una selezione di dipinti, autoritratti, incisioni, documenti e volumi a stampa dedicati alle maggiori protagoniste del panorama musicale del XVI e del XVII secolo, con particolare attenzione alla corte dei Medici. A curare l’esposizione è la dottoressa Laura Donati.