Centro i Noccioli, l’ippica è davvero alla portata di tutti

415

Immerso nella campagna di Bagno a Ripoli, sul borro dei Noccioli, dal quale prende il nome, il centro ippico è nato nel 1986 dalla competenza e dalla passione di Marcia Vahlberg e Carmelo Strazzulla, entrambi istruttori federali di lunga esperienza.

L’equitazione è considerata una disciplina elitaria. D’altronde i costi per comprare e gestire un cavallo sono alti ma la politica del centro è sempre stata indirizzata a rendere l’equitazione praticabile da tutti: ragazzi, adulti, disabili.

“Perlopiù ci siamo riusciti –  racconta Carmelo Strazzulla. Abbiamo formato tanti giovani fino a portarli a un livello agonistico internazionale e sono soprattutto le ragazze che hanno seguito i corsi ad aver conseguito ottimi risultati”.

“Spesso – continua Strazzulla – la figura dell’istruttore si identifica con un commerciante di cavalli. Noi non ne abbiamo mai venduto uno. Questo è un lavoro che si fa solo con grande passione. Quando abbiamo deciso di aprire il centro è stato soprattutto per poter seguire gli animali giorno e notte”.

Ci sono corsi per bambini e per adulti: Istruzione sui pony, Dressage, Completo, Salto a ostacoli, Ippoterapia. Ai bambini è dedicato un progetto basato sul gioco che approda a una preparazione sia di salto a ostacoli che di lavoro in piano.

“Proponiamo un progetto formativo. Avere a che fare con un animale riempie un vuoto che la società contemporanea genera con la tecnologia. Basti pensare che qui arrivano bambini che non hanno mai toccato un animale. Il cavallo è un sussidio fortissimo per la crescita. In Inghilterra, ad esempio, è considerato un membro della famiglia, come il cane”.

Grande attenzione è riservata alla pratica del Dressage, eredità dell’equitazione classica.

“Ci sono molti modi di intenderla – spiega Strazzulla – Noi siamo legati alla maniera classica che affonda le radici nell’opera del greco Senofonte ”Sull’equitazione” scritto nel 350 a.C circa e probabilmente uno dei primi trattati sul tema nel mondo occidentale. Si parte dal presupposto di sviluppare l’attitudine del cavallo secondo il suo sviluppo mentale e muscolare. Un lavoro a difficoltà progressiva. Senza ricorrere a doping o ad allenamenti forzati”.

La professionalità e l’esperienza acquisita, unita all’utilizzo di animali di collaudata affidabilità, fanno sì che gli allievi raggiungano ottimi livelli di preparazione per il conseguimento delle patenti agonistiche.
“Crediamo – conclude Strazzulla – che il concetto cardine dell’agonismo sia migliorare se stessi insieme al cavallo. Un animale di non facile interpretazione: forte e sensibile. Per gestire il quale devi far crescere la tua sensibilità”.
Tutti gli iscritti ai corsi della scuola vengono muniti di tesseramento FISE. Le strutture di cui dispone il centro consentono di esercitare l’attività sia d’inverno che d’estate.
Per chi volesse contattare il centro può visitare il sito http://www.inoccioli.it/ oppure telefonare al 055643407 la mattina (8.30 – 10.30) e ore pasti.

 

Stefano Casprini

SHARE
Stefano Casprini autore per eChianti e Rossorubino.tv. Dal 2011 collabora con testate del Chianti e del territorio fiorentino