Scuole, strade, cimiteri e biblioteca: dal 2018 opere per 8,6 milioni

40

La giunta adotta il piano triennale dei lavori pubblici. Oltre 6,1 milioni destinati al patrimonio edilizio e 2,5 milioni a viabilità, mobilità e verde urbano All’edilizia scolastica la maggior parte delle risorse, circa 5,1 milioni.

La scuola fa la parte del leone, impegnando la maggior parte delle risorse – circa 5,1 milioni di euro nel triennio -: in testa l’ampliamento della scuola del Padule e l’adeguamento sismico della scuola “Redi”. Ma sono molti anche gli interventi previsti per la viabilità, la mobilità e il verde urbano – quasi 2,5 milioni – tra interventi di manutenzione straordinaria per le strade del territorio come in via dell’Antella, ad esempio, per la realizzazione della pista ciclabile di fronte all’ospedale di Ponte a Niccheri e per il ripristino delle frane di via di Terzano e via Vicchio e Paterno. Quasi mezzo milione, inoltre, sarà destinato al recupero dei cimiteri di San Martino e di Quarate e San Giusto. Mentre altri 500mila euro saranno impiegati per la riqualificazione energetica e manutenzione straordinaria dell’immobile che ospita la biblioteca comunale.

Sono i tratti salienti del piano triennale dei lavori pubblici adottato nei giorni scorsi dalla giunta comunale di Bagno a Ripoli. Oltre 8,6 milioni di euro da mettere a cantiere nei prossimi tre anni, in molti casi a partire dal 2018, di cui oltre 6,1 milioni destinati al patrimonio edilizio e 2,5 milioni a viabilità e verde urbano).
“Un programma di previsioni minime e non definitivo – dicono il sindaco Francesco Casini e l’assessore ai lavori pubblici Enrico Minelli – che potrà essere aggiornato e potenziato nel corso del tempo in base alle nuove ulteriori risorse che reperiremo. Importantissimo averlo approvato adesso, perché ci consente di avviare fin da gennaio i primi cantieri che nel corso dei prossimi anni restituiranno a Bagno a Ripoli scuole più moderne e funzionali, strade più sicure e cimiteri finalmente decorosi. Risorse consistenti che per buona parte siamo stati in grado di ottenere partecipando a numerosi bandi sovracomunali con progetti efficaci e ben definiti, a cui vanno aggiunti gli interventi inferiori ai 100mila euro e il finanziamento di 700mila euro per parchi e piste ciclabili ottenuto grazie al bando periferie, non compresi nel piano”.

Entrando nel dettaglio, le risorse che dal 2018 saranno destinate al patrimonio edilizio nel triennio saranno così suddivisi:

• 3,3 milioni: adeguamento e ampliamento plesso scolastico del Padule (I lotto – ampliamento scuola primaria);

• 300mila euro: adeguamento e ampliamento plesso scolastico del Padule (II lotto – parcheggio e intervento scuola dell’infanzia);

• 100mila euro: interventi di manutenzione straordinaria del patrimonio edilizio comunale;
• 600mila euro: interventi di manutenzione straordinaria patrimonio edilizio scolastico;
• 900mila euro: interventi di adeguamento sismico scuola “Redi”;
• 500mila euro: adeguamento energetico immobile biblioteca;
• 150mila euro: risanamento area nuova acquisizione cimitero di San Martino;
• 300mila euro: lavori di recupero e consolidamento cimitero di Quarate e San Giusto (dal 2019).
Per quanto riguarda invece il pacchetto di risorse destinato a viabilità, mobilità e verde urbano, sono previste le seguenti voci:
• 700mila euro: manutenzione straordinaria viabilità;
• 165mila euro: opere di mitigazione dell’impatto acustico a protezione del plesso scolastico del Padule in fregio alla viabilità della Sp 34;
• 400mila euro: interventi di riqualificazione urbana zona Scolivigne;
• 185mila euro: adeguamenti carreggiata via dell’Antella;
• 350mila euro: manutenzione straordinaria della viabilità interferita dai lavori della terza corsia;
• 250mila euro: ripristino viabilità interrotta per dissesti via Vicchio e Paterno;
• 150mila euro: via di San Romolo a Villamagna;
• 200mila euro: ripristino via di Terzano;
• 100mila euro: ripristino via del Bigallo.