Il “piano neve” del Comune di Bagno a Ripoli

133

Neve e ghiaccio, il piano operativo di Comune e Protezione civile per fronteggiare l’emergenza

 

Dal 15 novembre in moto la macchina comunale per rispondere ad eventuali nevicate. In dotazione all’amministrazione tre mezzi spazzaneve e spargisale. Riserve di sale in tutte le scuole e allerta a migliaia di famiglie via Sms.

 

Tre mezzi spazzaneve e spargisale, scorte di sale grosso per combattere il ghiaccio nelle strade del territorio e allerta alle famiglie degli studenti via Sms in caso di emergenza. Sono solo alcuni degli elementi del ‘Piano neve’ del Comune di Bagno a Ripoli, lo strumento operativo con cui fronteggiare l’emergenza in caso di fenomeni atmosferici avversi e in particolare di precipitazioni nevose con forte impatto sul territorio, redatto dalla Protezione civile comunale e inserito nel piano di Protezione civile intercomunale “Arno Sud Est Fiorentino”. Una macchina pronta a mettersi in moto fin da questi giorni, accompagnata dal consiglio per gli automobilisti di dotarsi già da oggi di catene a bordo o pneumatici invernali, anticipando così l’obbligo che scatterà dal 15 novembre.

“Il nostro – dice il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini – è un territorio molto complesso, con 170 chilometri di strade da monitorare, 25 tra nidi e scuole di ogni grado sia pubbliche che private, un ospedale di rilevanza regionale, tre grossi centri abitati e oltre dieci frazioni di cui alcune in quota, come Villamagna, San Donato e San Romolo. È fondamentale avere uno strumento chiaro ed efficace che stabilisca le fasi di attivazione, chi fa cosa, quando e dove, in caso di eventi avversi come una nevicata di notevole portata. Non meno importante rispetto al piano operativo, quello relativo alla comunicazione, perché un cittadino preparato e informato è più protetto e al sicuro”.

Per quanto riguarda la fase operativa, l’amministrazione comunale dispone di tre mezzi spazzaneve e spargisale. Presso il Centro operativo sono inoltre stoccate le scorte di sale necessario per ripristinare la viabilità nel caso sulle strade sia presente ghiaccio oppure neve. Anche le scuole comunali saranno dotate di sale e pale per garantire l’autonomo spazzamento della viabilità pedonale interna all’area scuola. Per quanto riguarda la pulizia delle strade dalla neve, sul territorio comunale sono individuati anelli di viabilità primaria che saranno percorsi dai mezzi spazzaneve e spargisale secondo la classificazione delle strade e le priorità assegnate in relazione ai centri abitati. Un supporto prezioso e imprescindibile è fornito anche dalle associazioni di volontariato del territorio convenzionate nelle attività di Protezione civile che partecipano in maniera attiva mettendo a disposizione mezzi spalaneve e spargisale dedicati alla pulizia dell’area ospedaliera e dell’area urbana dei centri abitati, oltre a supportare il sistema di Protezione civile nella gestione del traffico veicolare nelle zone critiche del territorio, in particolare quelle in quota.

Riguardo alla comunicazione, i cittadini in caso di emergenza potranno seguire gli aggiornamenti in tempo reale attraverso il sito del Comune di Bagno a Ripoli (www.comune.bagno-a-ripoli.fi.it), la pagina Facebook e la App comunale, oltre che attraverso la App “Cittadino Informato” della Protezione civile intercomunale di Bagno a Ripoli, Figline Valdarno, Incisa Valdarno e Rignano sull’Arno, che l’amministrazione comunale consiglia a tutti di scaricare. Particolare attenzione sarà rivolta alla comunicazione alle scuole. Nelle prossime settimane la Protezione civile distribuirà agli studenti del territorio un volantino sui corretti comportamenti da adottare in caso di nevicate, con le informazioni e i numeri utili a cui rivolgersi in caso di necessità. In caso di emergenza, saranno inviati messaggi di testo a circa 3500 famiglie degli studenti. Il Comune sta lavorando per estendere il sistema di allerta via Sms anche ad altri ambiti di attività di Protezione civile, come ad esempio gli eventi alluvionali. Allo studio anche la possibilità di ricorrere alle telefonate alle famiglie.

“Su questo fronte – aggiunge il sindaco – per prevenire i danni dovuti al maltempo e a piogge abbondanti, sono in corso spazzamenti straordinari delle strade con maggiori alberature per ripulirle dalle foglie abbondanti che potrebbero provocare allagamenti. Fondamentale anche la pulizia di caditoie e tombini, per la quale serve uno sforzo dei singoli cittadini. Si tratta di piccoli gesti che però in presenza di eventi avversi possono essere determinanti”.