Le “Chiavi della città” a Nano Campeggi, cerimonia tra sorrisi e ritratti | FT-VD

99

All’Oratorio di Santa Caterina il sindaco di Bagno a Ripoli Francesco Casini ha consegnato le Chiavi della città al pittore Silvano “Nano” Campeggi in una cerimonia alla quale hanno preso parte anche il presidente del Consiglio Regionale Eugenio Giani e la ex soprintendente del Polo Museale Fiorentino Cristina Acidini.

“Siamo orgogliosi di dare questo riconoscimento a un personaggio che ha portato il nome di Bagno a Ripoli nel mondo e che, nonostante la sua fama, ha deciso di trascorrere qui la sua vita – ha ricordato Casini introducendo la serata – Questa onorificenza è un omaggio alla sua incredibile carriera ma anche a una persona perbene e generosa, protagonista della vita culturale della nostra comunità insieme alla moglie Elena, uomo sempre pronto al sorriso, sempre disponibile con i tanti che gli chiedono di raccontare le sue esperienze al fianco dei maggiori divi di Hollywood. È un grande onore per tutta la nostra comunità averlo come concittadino”.

E’ stata quindi Acidini a ‘guidare’ i presenti attraverso la ventina di riproduzioni di opere del Maestro che rimarranno esposte per tre giorni all’interno dell’Oratorio. “Da un lato le dive e i cartelloni che hanno fatto la storia di Hollywood, dall’altro i grandi personaggi della storia. A fare da filo conduttore di tutte le opere una straordinaria energia e una infinita passione che emerge distintamente dalle figure rappresentate”.

Giani, infine, ha sottolineato come Campeggi sia stato, a suo modo, un rivoluzionario della comunicazione. “Un tempo – ha detto – il cartellone di un film era quello che invitava o meno ad andare a vedere una pellicola. E i disegni di Nano sicuramente invogliavano ed incuriosivano perché sapevano trasmettere emozioni, curiosità, attrazione. Oggi viviamo nella rete dei social network, 50 o 60 anni fa si parlava invece con le immagini e nessuno lo sapeva fare bene come Campeggi”.

Il quale, dal canto suo, insieme alla inseparabile moglie Elena ha voluto ringraziare il Comune e tutti i presenti per il riconoscimento: “È una bellissima sorpresa, un regalo fatto da amici che oltre sessant’anni fa hanno accolto su queste colline me e mia moglie e con cui da sempre ci vogliamo bene, ci rispettiamo e ci amiamo”.

Ma il suo grazie è andato oltre le parole. E allora eccolo dapprima donare al sindaco Casini un suo disegno rappresentante un cavaliere sormontato, tra l’altro, dallo stemma di Bagno a Ripoli. Quindi, a margine dell’aperitivo in suo onore, tirare fuori la sua inseparabile matita a carboncino e regalare alcuni ritratti ai presenti. Dopo quello a una bambina, a “rompere il ghiaccio” delle richieste è stata l’assessora Francesca Cellini seguita da tutte le ragazze dello staff del sindaco.

Lui, Nano, non s’è fatto pregare. Uno dopo l’altro, con il sorriso stampato sul volto, ha esaudito tutti i desideri. “Il segreto? – ha confidato – Prima ancora di saper disegnare bene, è avere passione e divertirsi. Io mi diverto ancora. Disegnerei tutto. Mi piace, mi fa stare bene”.

Il segreto, forse, è proprio e semplicemente questo. Chapeau, Maestro.

Ecco la fotogallery della serata:

SHARE
Francesco Sangermano, nato a Firenze nel 1977 ma orgogliosamente cresciuto e vissuto sempre a Bagno a Ripoli. Grande appassionato di viaggi, di sport e di fotografia è giornalista professionista dal 2004. Prima della collaborazione con eChianti ha lavorato per il Corriere di Firenze, il Corriere di Lucca, Toscana Media News e l'Unità dove è stato vicecaposervizio della redazione toscana e uno dei responsabili dei social network per il sito unita.it.