Fontesanta, vanno in scena le novelle del contadino | VIDEO

90

Si intitola dell’albero della pietra dell’acqua ed è il primo spettacolo itinerante del progetto Sliding Theaters, tante novelle raccontate in uno scenario d’eccezione il parco di Fontesanta. Attori incontrastati un oratore ed uno strumento di antica origine.

“La campana tibetana mi fara compagnia per dare quel senso di mistero che generalmente circonda sempre queste storie” – racconta Alessandro Calonaci – “non sono le novelle del Boccaccio o del Bandello, ma la novellistica che fa capo alla tradizione orale quella che nei secoli si è rincorsa e si è tramandata da contadino a contadino, da casolare a casolare”

Una unione che fa la forza, il progetto infatti raccoglie le esperienze di fare teatro dei comuni del sistema museale del chianti fiorentino.

“Con l’obbiettivo preciso di far conoscere e far vivere i luoghi meno frequentati ma pieni di storia e natura del territorio ripolese” – racconta Annalisa Massari, assessore alla cultura del Comune di Bagno a Ripoli – “con delle rappresentazioni teatrali ma anche dei flashmob, e spettacoli dedicati ai bambini”

Uno spettacolo quello di Alessandro Calonaci della compagni mald’estro che fa rivivere in modo davvero coinvolgente quel mondo novellistico, che fa parte del nostro dna e che forse abbiamo un po’ perso.

“Fontesanta è un luogo dove internet non ha accesso” – continua Calonaci – “dove le storie devono essere narrate da una persona rivolta ad altre persone, dove ancora i rapporti umani e le persone contano.”