Federica Ermini, genitorialità e psicologia in genere

89

Tra le novità del 2017 vi presentiamo la rubrica “Parliamone con la psicologa”, uno spazio dove la psicologa Federica Ermini potrà dialogare con il lettore sui temi della genitorialità e della psicologia in genere. Tutti voi potrete interagire con la dottoressa inviando quesiti e spunti di riflessione all’indirizzo dott.ssafedericaermini@gmail.com nel rispetto della vostra privacy.

Conosciamo meglio la Dott.ssa Ermini, ecco l’intervista di presentazione alla psicologa.

Due parole per presentarsi come professionista?

Mi chiamo Federica Ermini e sono una psicologa specializzata in psicoterapia psicoanalitica. Lavoro privatamente negli studi di Grassina e di Firenze, dove svolgo attività di psicoterapia; consulenza psicologica; sostegno alla persona, alla genitorialità e alla coppia; consulenza tecnica per il Tribunale in materia di separazione e affidamento di minori.

Ci parli del suo lavoro come psicoterapeuta.

Federica Ermini

Penso che sia un lavoro gratificante e appassionante, ma impegnativo. Richiede molta competenza, un costante aggiornamento e, a mio avviso, una visione multidisciplinare del problema. Per questo motivo lavoro assieme ad alcune colleghe che condividono con me questa visione d’insieme ed abbiamo creato una rete di professionisti di fiducia con i quali collaboriamo regolarmente. Ci siamo date il nome “In Equipe” (www.inequipe.it), poiché riteniamo che un gruppo che lavora regolarmente insieme garantisca al paziente un’accoglienza a tutto campo, basata sull’attenzione e la consuetudine al lavoro multidisciplinare.

Organizziamo anche incontri di formazione per le scuole e per i genitori sempre in questa ottica di accoglienza a tutto campo. Offriamo servizi di psicoterapia degli adulti, della coppia, del bambino e dell’adolescente, di psichiatria, neuropsichiatria, consulenza tecnica per il Tribunale, assistenza giuridica, logopedia, dietologia, servizio educativo ed organizziamo attività educative e dopo scuola. Copriamo il territorio di Firenze, Bagno a Ripoli, Tavarnelle e Arezzo.

Qual è la sua formazione?

Mi sono laureata come psicologa clinica all’Università di Firenze e mi sono specializzata a Roma presso la Società Italiana di Psicoterapia Psicoanalitica (SIPP). La mia formazione però risente anche di molti influssi della psicoterapia Sistemica, poiché mi sono formata come consulente tecnico del Tribunale presso l’Istituto di Terapia Familiare di Firenze (ITFF) ed ho collaborato a lungo con i loro docenti, arrivando a fondare con una di loro un centro Co.Me.Te (Consulenza, Mediazione, Terapia) a Lucca, dove ho lavorato con lei con persone singole, coppie e famiglie.

Quindi lavora anche a Lucca?

Per motivi familiari mi sono allontanata da Lucca e sono tornata a lavorare solo a Firenze e Grassina, ma il mio interesse per il lavoro con le coppie e le famiglie separate mi ha portata ad approfondire il tema della psicologia giuridica con alcune colleghe fiorentine. Abbiamo fondato un’associazione chiamata Istituto per la Tutela del Minore (www.istitutotutelaminore.it) e ci occupiamo di lavorare sia per mettere in pratica sia per diffondere una cultura centrata su “l’interesse supremo del minore”, definito dalla normativa, ma non sempre scontato nell’applicazione e non facilmente riconoscibile. Organizziamo a questo scopo convegni per professionisti pubblici e privati ed incontri aperti alla popolazione.

Lavora solo nello studio privato o anche per qualche servizio pubblico?

Collaboro con la Caritas Diocesana di Firenze svolgendo il ruolo di psicoterapeuta presso il Centro Spora (Sportello per la Promozione e l’Orientamento nella Relazione d’Aiuto). Per le persone in difficoltà economica, la Caritas mette a disposizione un percorso di consapevolezza e analisi della situazione psicologico-relazionale della persona o della coppia in difficoltà. Purtroppo non è facile negli ultimi tempi ricevere assistenza psicologica all’interno del Servizio Sanitario e lo sportello rappresenta una valida alternativa.

Quali saranno le tematiche della rubrica?

L’idea è quella di dialogare con il lettore sui temi della genitorialità e della psicologia in genere. Sarà possibile inviare un’email con quesiti o spunti di riflessione all’indirizzo dott.ssafedericaermini@gmail.com e nel giro di una settimana sarà pubblicata, quando non risulti inopportuno, assieme alla mia risposta.
Inoltre è prevista la pubblicazione di un articolo mensile su tematiche psicologiche inerenti principalmente la relazione tra genitori e figli.